dna

ANALISI DELLE PREDISPOSIZIONI GENETICHE

La prevenzione è oggi ormai prioritaria rispetto all’intervento terapeutico che viene applicato quando una determinata patologia è ormai in atto. Molte sono le condizioni legate alla nostra alimentazione che incide molto profondamente sullo stato di benessere e salute individuale. Le metodiche impiegate per l’individuazione di tutte queste condizioni legate al mondo dell’alimentazione sono oggi numerose, la più recente è senza dubbio la nutrigenetica che studia la variabilità di risposta individuale all’alimento o al costituente in esso contenuto, legata alle caratteristiche genetiche contenute nel nostro DNA. Il DNA di ognuno di noi e le informazioni in esso contenute si traducono nella risposta ad una serie di reazioni biochimiche che avvengono nel nostro organismo in base all’introduzione delle sostanze contenute nei singoli alimenti. La conoscenza del profilo genetico permette di identificare gli alimenti più affini alla nostra predisposizione individuale, il cui introito giornaliero dovrà decisamente aumentare, e quelli meno idonei o meno tollerati che verranno ridotti o eliminati per prevenire determinate condizioni verso cui si è “geneticamente predisposti”. La nutrigenomica, invece, unisce lo studio della nutrizione e delle genetica per far luce sui diversi modi con cui le persone rispondo agli alimenti in base al loro patrimonio genetico, del tutto personale ed unico. Un’opportunità di studio nata all’indomani della mappatura del genoma umano, completata nel 2000, che però non ha portato a conseguenze concrete sul piano della salute o dell’offerta di servizi dietetici. Spesso, infatti, la mappatura genetica e le sue relazioni con la salute e l’alimentazione sono basate su informazioni scorrette. E proprio partendo da queste basi un gruppo di ricercatori, finanziato dall’Unione Europea, sta portando avanti un interessane progetto di studio, coordinato dall’Irlanda con la partecipazione di Paesi Bassi, Norvegia, Svezia, Regno Unito, Germania, Polonia, Spagna, Grecia, Stati Uniti e Svizzera. L’obiettivo di questo ambizioso studio è analizzare in modo globale le opportunità e le sfide nel campo della nutrizione personalizzata e offrire un servizio efficace per rispondere al meglio alla domanda: “come possiamo usare al meglio la nostra attuale comprensione del rapporto tra cibo, geni e tratti fisici per progettare diete sane su misura per ciascun individuo?” Lo studio vede coinvolte 1200 persone con l’obiettivo di valutare se gli individui siano particolarmente motivati a seguire uno stile di vita più sano se viene loro proposto un regime alimentare personalizzato. I ricercatori analizzeranno la saliva dei partecipanti e faranno una valutazione precisa delle loro caratteristiche individuali e alla fine delineeranno un profilo genetico per indirizzare le persone ad abitudini più salutari, a tavola ma non solo. La nutrizione personalizzata dipende dal rapporto bidirezionale tra nutrienti e geni, che si influenzano reciprocamente in modo unico: svelare questa complessa interazione consentirebbe di mettere a punto delle diete su misura che funzionino sul singolo individuo e aiutino a prevenire obesità, ma anche malattie cardiovascolari, diabete, cancro e malnutrizione.

Come si esegue il prelievo

Il prelievo del DNA necessario per l’analisi viene fatto attraverso un semplicissimo tampone buccale sterile. Dopo almeno un’ora senza aver mangiato o fumato, con bocca e denti puliti, si sfrega la testa in cotone all’interno di entrambe le guance per qualche secondo, si richiude il tampone nel suo astuccio e si spedisce al laboratorio di analisi genetica. Al contrario del campione di sangue necessario per il test leucocitotossico, che deve essere spedito sotto ghiaccio e analizzato velocemente, DNA è una molecola estremamente stabile ed il tampone non ha bisogno di particolari precauzioni per la conservazione.

tampone
Geni analizzati

Attualmente, i polimorfismi che proponiamo di analizzare, in quanto validati scientificamente, riguardano:

  • Intolleranza genetica al lattosio
  • Predisposizione allo sviluppo della celiachia
  • Alterato metabolismo dei folati
  • Alterato metabolismo dei lipidi
  • Presenza del “gene dell’obesità”
  • Alterato metabolismo degli zuccheri

In ambito di nutrizione nello sportivo, è estremamente interessante l’analisi anche di altri polimorfismi, la cui gestione attraverso l’alimentazione può grandemente migliorare la resa e la prevenzione degli infortuni. In particolare:

  • Citochine pro-infiammatorie
  • Attività antiossidante
  • Sintesi di collagene – Rischio tendinopatie e lesioni
  • Trasporto dell’acido lattico
  • Contrazione muscolare e apporto di ossigeno

La continua evoluzione in campo genetico ci permetterà sempre più di capire l’interazione cibo-geni-corpo, in modo da rendere sempre più vera la frase di Ippocrate, “il cibo sia la tua medicina”.

BIBLIOGRAFIA

Freeman HJ. Adult celiac disease and the severe “flat” small bowel biopsy lesion. Dig Dis Sci. 2004 Apr;49(4):535-45.
Dieterich W, Ehnis T, Bauer M, Donner P, Volta U, Riecken EO, Schuppan D. Identification of tissue transglutaminase as the autoantigen of celiac disease. Nat Med. 1997 Jul;3(7):797-801.
Rossi T. Celiac disease. Adolesc Med Clin. 2004 Feb;15(1):91-103.
Polymorphisms in the methylenetetrahydrofolate reductase gene: clinical consequences. Schwahn B et al; Am J Pharmacogenomics. 2001;1(3):189-201.
Genetic polymorphisms of methylenetetrahydrofolate reductase and colorectal cancer and adenoma. Kono S et al, Cancer Sci. 2005 Sep;96(9):535-42
Methylenetetrahydrofolate reductase and risk of schizophrenia: a meta-analysis. Muntjewerff JW et al, Mol Psychiatry. 2006 Feb;11(2):143-9.
Thrombophilias – practical implications and testing caveats J. Thromb Thrombolysis 2006; 21 (1): 7-15
5,10-Methylenetetrahydrofolate Reductase Polymorphisms and Acute Lymphoblastic Leukemia Risk: A Meta-analysis Pereira, TV et al. Cancer Epidemiol Biomarkers Prev 2006;15(10)
Gene polymorphisms and male infertility–a meta-analysis and literature review. Tüttelmann F et al. Reprod Biomed Online. 2007 Dec;15(6):643-58.
Inherited Thrombophilia: key points for genetic counselling Journal of genetic counselling 2007; 16 (3): 261:277
Homocysteine and depression in later life. Almeida OP et al. Arch Gen Psychiatry. 2008 Nov;65(11):1286-94.
Meta- and pooled analyses of the methylenetetrahydrofolate reductase (MTHFR) C677T polymorphism and colorectal cancer: a HuGE-GSEC review. Taioli E et al, Am J Epidemiol. 2009 Nov 15;170(10):1207-21
MTHFR 677C>T and ACE D/I polymorphisms in migraine: a systematic review and meta-analysis. Schürks M et al. Headache. 2010 Apr;50(4):588-99. Epub 2009 Nov 17.
Enattah NS, Sahi T, Savilahti E,Terwilliger JD, Peltonen L, Jarvela I. Identification of a variant associated with adult-type hypolactasia. Nat Genet. 2002;30(2):233-7.
Rasinpera H, Savilahti E, Enattah NS, Kuokkanen M,Totterman N, Lindahl H, Jarvela I, Kolho KL.A genetic test which can be used to diagnose adult-type hypolactasia in children Gut. 2004;53(11):1571-6.
Kuokkanen M, Enattah NS, Oksanen A, Savilahti E, Orpana A, Jarvela I.Transcriptional regulation of the lactase-phlorizin hydrolase gene by polymorphisms associated with adult-type hypolactasia. Gut. 2003
Pollin et al. (2008) “A null mutation in human APOC3 confers a favorable plasma lipid profile and apparent cardioprotection.” Science 322(5908):1702-1705
Atzmon et al. (2006) “Lipoprotein genotype and conserved pathway for exceptional longevity in humans.” PLoS Biol. 4(4):e113
Altomonte et al. (2004) “Foxo1 mediates insulin action on apoC-III and triglyceride metabolism.” J. Clin. Invest. 114(10):1493-1503
Araki and Goto (2004) “Dietary restriction in aged mice can partially restore impaired metabolism of apolipoprotein A-IV and C-III.” Biogerontology 5(6):445-450
Araki et al. (2004) “Impaired lipid metabolism in aged mice as revealed by fasting-induced expression of apolipoprotein mRNAs in the liver and changes in serum lipids.” Gerontology 50(4):206-215
Panza et al. (2004) “Vascular genetic factors and human longevity.” Mech. Ageing Dev. 125(3):169-178
Anisimov et al. (2001) “Age-associated accumulation of the apolipoprotein C-III gene T-455C polymorphism C allele in a Russian population.” J. Gerontol. A Biol. Sci. Med. Sci. 56(1):B27-B32
Blakemore AI, Froguel P, Is obesity our genetic legacy? J Clin Endocrinol Metab, 2008. 93(11 Suppl 1): p. 51-56.
Hinney A, Vogel CI, Hebebrand J, From monogenic to polygenic obesity: recent advances.
Eur Child Adolesc Psychiatry, 2010. 19(3): p. 297-310.
Pérusse L, Rankinen T, Zuberi A, Chagnon YC, Weisnagel SJ, Argyropoulos G, Walts B, Snyder EE, Bouchard C, The human obesity gene map: the 2004 update. Obes Res, 2005. 13(3): p. 381-490.
Hakanen M, Raitakari OT, Lehtimäki T, Peltonen N, Pahkala K, Sillanmäki L, Lagström H, Viikari J, Simell O, Rönnemaa T, FTO genotype is associated with body mass index after the age of seven years but not with energy intake or leisure-time physical activity. J Clin Endocrinol Metab, 2009. 94(4): p. 1281-1287.
Frayling TM, Timpson NJ, Weedon MN, et al., A common variant in the FTO gene is associated with body mass index and predisposes to childhood and adult obesity. Science, 2007. 316(5826): p. 889-94
Thorleifsson G, Walters GB, Gudbjartsson DF, et al., Genome-wide association yields new sequence variants at seven loci that associate with measures of obesity. Nat Genet. 2009. 41(1): p. 18-24.
Meyre D, Delplanque J, Chèvre JC, et al., Genome-wide association study for early-onset and morbid adult obesity identifies three new risk loci in European populations. Nat Genet, 2009. 41(2): p. 157-9.
Hinney A, Nguyen TT, Scherag A, Friedel S, et al., Genome wide association (GWA) study for early onset extreme obesity supports the role of fat mass and obesity associated gene (FTO) variants. PLoS One, 2007. 2(12): e1361.
Bressler J, Kao WH, Pankow JS, Boerwinkle E, Risk of type 2 diabetes and obesity in differentially associated with variation in FTO in whites and African-Americans in the ARIC study. PloS one, 2010. 5: e10521.
Wardle J, Carnell S, Haworth CM, Farooqi IS, O’Rahilly S, Plomin R, Obesity associated genetic variation in FTO is associated with diminished satiety, J Clin Endocrinol Metab, 2008. 93(9): p. 3640-3643.
Den Hoed M, Westerterp-Plantenga MS, Bouwman FG, Mariman EC, Westerterp KR, Postprandial responses in hunger and satiety are associated with the rs9939609 single nucleotide polymorphism in FTO, Am J Clin Nutr, 2009. 90(5): p. 1426-1432.
Ruiz JR, Labayen I, Ortega FB, Legry V, et al., Attenuation of the effect of the FTO rs9939609 polymorphism on total and central body fat by physical activity in adolescents: the HELENA study, Arch Pediatr Adolesc Med, 2010: 164(4): p. 328-333.
Cooper GS., Umbach DM.: Are vitamin D receptor polymorphisms associated with bone mineral density? A meta-analysis. 1996 J Bone Miner Res 11:1841-9.
Ferrari SL., Rizzoli R., Slosman DO., Bonjour JP.: Do dietary calcium and age explain the controversy surrounding the relationship between bone mineral density and vitamin D receptor gene polymorphisms?; WHO Collaborating Center for Osteoporosis and Bone Diseases. 1998 J Bone Miner Res 13:363-70.
Gennari L., Becherini L., Masi L., Mansani R., Gonnelli S., Cepollaro C., Martini S., Montagnani A., Lentini G., Becorpi A.M., Brandi M.L.: Vitamin D and estrogen receptor allelic variants in Italian postmenopausal women: evidence of multiple gene contribution to bone mineral density. 1998 J Clin Endocrinol Metab
83:939-44.
Gross C., Eccleshall TR., Mallory PJ., Villa ML., Marcus R., Felman D.: The presence of a polymorphism at the translation initiation site of the vitamin D receptor gene is associated with low bone mineral density in postmenopausal Mexican-American women. 1996 J Bone Miner Res 11:1850-5.